November 19, 2020 3 min read

La conoscenza del tempo è un fattore determinante nell'evoluzione dell'uomo. La creazione dell'orologio o degli orologi gioca quindi un ruolo preponderante nel nostro modo di agire. Ma l'orologio che vediamo oggi com'era all'inizio? Come hanno determinato il tempo i nostri antenati? In questo articolo troverete le risposte a tutte queste domande. Andiamo alla sua scoperta.

Storia dell’orologio

Che ore sono, per favore? E' una domanda comune di questi tempi. Perché oggi ognuno di noi può portare al polso un orologio. Pertanto, è importante ricordare che l'orologio non era originariamente quello che vediamo oggi. Tutto è iniziato in Egitto con la creazione della meridiana. È stata questa invenzione che ha entusiasmato gli scienziati e li ha portati a migliorarla fino al punto in cui ci troviamo oggi. Molti scienziati di diverse nazionalità vi hanno contribuito.

Nel 1335, il primo orologio pubblico fu istituito a Milano, Italia, e continuò a migliorare. Dopo aver superato gli orologi pubblici, gli orologi da tasca videro l'alba intorno al 1480, dopo di che gli orologi meccanici cominciarono a caricarsi. Lo dobbiamo all'orologiaio svizzero Abraham Louis Perrelet (Abraham Louis Perrelet 1777). Nel 1790, le persone potevano indossare orologi al polso, e ancora oggi sono tutti in fase di sviluppo scientifico.

Il desiderio di controllare il tempo ha portato le persone a creare orologi o pendole. Questo strumento non è altro che uno strumento che può aiutarci a migliorare la precisione del tempo. Il primo meccanismo di illuminazione diurna in Egitto ha ispirato la gente ad andare oltre.

Evoluzione dell'orologio

L'evoluzione dell'orologio è segnata da diverse date. Ci sono molte date diverse per l'evoluzione degli orologi. Il XV secolo a.C. fu l'anno in cui gli Egiziani istituirono un sistema per determinare il tempo. Questo strumento non è come gli orologi che indossiamo oggi. È posto su un piano a 360° ed è composto da 24 pezzi, che rappresentano 24 ore. C'è uno scarto di 15° tra queste 24 sezioni. Il ciclo solare è la forza trainante, per questo viene chiamato D-Day. Gli europei incontrarono questa civiltà per la prima volta nel VI secolo a.C.

Poco dopo, la meridiana ha lasciato il posto all'orologio pubblico (XVII secolo). A Milano, in Italia, nel 1335, il primo orologio pubblico si spegne. Ogni volta che si bussa per un'ora, la campana suonerà a seconda dell'ora. Nei prossimi cinquant'anni si è diffuso in tutta Europa. Questi sono orologi senza quadrante. Le innovazioni nel settore dell'orologeria continuano, con circa 1.480 orologi da tasca che stanno diventando sempre più popolari.

La scienza è riuscita a miniaturizzare questi grandi orologi. Piccole molle avvolte a mano hanno sostituito i bilancieri. Sono sferiche non appena appaiono e quindi vengono portate al collo. Con il tempo, queste forme cambiano e si appiattiscono e possono essere appese con catene nelle piccole tasche (soffietti) dei gilet da uomo. A causa di questo fenomeno, viene chiamato orologio da tasca. Nel 1556 la Svizzera modernizzò ulteriormente l'orologio, consentendo lo sviluppo della sua economia. Ma questo non ha messo fine alla ricerca scientifica e, poco dopo, l'uomo non ha più avuto bisogno dell'orologio a carica.

La carica manuale degli orologi meccanici fu sostituita dalla carica automatica già nel 1777. Non c'è più bisogno di essere disturbati. Questo genio è stato ispirato dall'orologiaio svizzero Abraham Louis. Il meccanismo che può essere caricato automaticamente è la parte rotante dell'orologio, che gira da sola. Così spinge una serie di ingranaggi, che spontaneamente fanno uscire il barile.

Dopo la carica automatica nel 1777, nel 1790, l'orologio poteva essere indossato al polso. Questa innovazione è sempre venuta dalla Svizzera. Quest'ultimo sviluppo è difficile da competere con gli orologi da tasca. I primi ad adottarli sono stati l'esercito e i piloti. Per la sua funzione pratica di tempo di lettura.

Poi il Quarzo (nel 1969) ha messo sul mercato orologi a batteria. La precisione mensile è di 5 secondi, che equivale a 1 minuto all'anno. Il lavoro di nessuno è perfetto. Continuano ad essere apportati miglioramenti. Nel 1983, SWATCH ha prodotto un modello in plastica. Questo può ridurre i costi ed essere più resistente. Dal 2016, stiamo vivendo una nuova rivoluzione. Apple mette in vendita i primi orologi collegati. Con questi smartwatch potete analizzare il vostro sonno, scoprire quanti chilometri avete percorso, leggere l'ora, ricevere chiamate, leggere messaggi, essere connessi ai social network e molto altro ancora.

Volete essere all'avanguardia della tecnologia? AMP Sounds vi offre un orologio collegato con diversi cinturini di diversi colori. Il Bluetooth consente di collegare l'orologio al telefono e di ricevere tutte le notifiche sul proprio smartwatch.


Subscribe